“Flavioh”, di Riccardo Zinna, alla 13a Festa del Cinema di Roma

Flavioh - Tributo a Flavio Bucci - di Riccardo Zinna

Sentimenti contrastanti, tra loro in lotta, albergano in noi in questi giorni: Flavioh, il film documentario che ha visto Riccardo Zinna impegnato negli ultimi tre anni è nel prestigioso cartellone della 13° Festa del Cinema di Roma, ma Riccardo, che ci ha lasciati tutti un po’ più soli lo scorso 20 settembre, non potrà assistere alla proiezione e vivere insieme al pubblico questo densissimo e poetico lavoro, impreziosito dalle musiche da lui stesso firmate e reso unico dal suo sguardo diretto e sincero sulle cose della vita e dell’arte.

Ci ha lavorato strenuamente fino all’ultimo, Riccardo, nel tentativo, riuscitissimo, di plasmare il film secondo la sua visione, con attenzione meticolosa ai suoni, ai colori e al racconto e alla fine è riuscito a renderci eredi di un altro gioiello che si aggiunge ai suoi quadri, alle sue musiche, alle sue interpretazioni al cinema e in teatro e che ci rivela qualche altro aspetto dell’uomo e dell’artista che è stato.

Sicuramente Flavioh, centrato com’è intorno alla figura di Flavio Bucci – personaggio enorme, fuori dagli schemi e dal “sistema” – è una riflessione anche traslatamente autobiografica sul senso stesso dell’essere artista. Una riflessione nata dalla lunga e attenta osservazione dell’uomo di cui racconta, sfociata in un esemplare momento di “cinema del reale”.
Le oltre duecento ore di girato, che in fase di montaggio sono state il punto di partenza, fissavano tutte momenti spontanei e non “messe in scena”, persino nelle più tradizionali “interviste” che puntellano il documentario. Certamente durante le riprese il Riccardo Zinna regista ha sapientemente provocato, quando lo ha ritenuto necessario, i suoi “attori”, ma non ha mai costretto la realtà a conformarsi alla sua visione, cercando con essa una dialettica costruttiva, talvolta dolorosa, tal altra rigenerante.

Leggi tutto“Flavioh”, di Riccardo Zinna, alla 13a Festa del Cinema di Roma

L’oggetto che amo. Una mostra fotografica

oggetto-che-amoOggetti. Siamo letteralmente circondati da oggetti: oggetti utili, oggetti inutili, cui a volte siamo indifferenti, e che altre volte amiamo fino a non riuscire a farne più a meno. Oggetti, che usiamo con disinvoltura e distacco, o che, letteralmente, ci condizionano la vita…
Provare a raccontare, questi oggetti, con la fotografia è la sfida di una mostra collettiva aperta agli allievi di Fotografia della Pigrecoemme, dal titolo L’oggetto che amo.

La mostra parte da una delle esercitazioni del modulo B del corso di Fotografia curato da Luca Sorbo, quella che chiede agli studenti di confrontarsi con l’oggetto che amano. Il presupposto, per un esercizio del genere, è la convinzione che, una volta acquisiti i rudimenti della tecnica e del linguaggio fotografico, provare a raccontare un oggetto importante della propria vita sia una prova di grande efficacia, perché la vera sfida di un aspirante autore è giusto quella di raccontare le proprie emozioni. E nel caso della fotografia, poi, le impronte di luce consentono di confrontarsi con l’oggetto del proprio interesse senza troppe mediazioni, cosa che fa sì che questa mostra si prefiguri come un’intrigante verifica, tecnica ed espressiva, per sondare lo stato dell’arte della nostra passione: la fotografia, appunto.

La mostra è aperta agli allievi e agli ex allievi dei corsi di Fotografia della Pigrecomme. Coloro che vorranno partecipare potranno farlo con un massimo di tre foto dello stesso oggetto, fotografato con un’uniformità di stile, nel formato massimo cm 40×50, stampate su carta fotografica e incollate su forex di 5 mm, con attaccaglie già pronte per appenderle alla parete.

Le foto dovranno pervenire alla sede di Napoli, alla Piazza Portanova 11 della Scuola di cinema Pigrecoemme e, in bassa risoluzione, all’indirizzo email: c.morra@pigrecoemme.com entro e non oltre mercoledì 16 settembre 2015, ma i partecipanti dovranno inviare la scheda di adesione almeno una settimana prima della scadenza, ossia entro e non oltre lunedì 7 settembre 2015.

Scarica la scheda di adesioneScarica la scheda di adesione

Still in life entra a far parte della collezione del Madre

Still in life al Museo madre

Venerdì 22 maggio, alle ore 19:00, apre al pubblico il quarto capitolo di Per_formare una collezione, progetto di acquisizioni del museo Madre nato nel 2013 come luogo di approfondimento e di confronto sul senso ultimo e sulle prassi cui il corpo di una collezione museale deve oggi rispondere. Con quest’evento lo spazio di Via Settembrini inaugura anche la nascita del primo nucleo della collezione dedicato alla videoarte.
Ed è proprio nell’ambito di quest’operazione che vi segnaliamo l’acquisizione da parte del Madre dell’opera Still in life, video che l’artista Raffaela Mariniello ha girato nel 2014 all’indomani dell’incendio di Città della scienza, firmandone la regia con Giacomo Fabbrocino, docente dei corsi di Montaggio della Pigrecoemme.

Il video, prodotto da Pigrecoemme e Studio Trisorio, è stato presentato per la prima volta nel marzo dello scorso anno, presso la galleria Trisorio di Napoli nell’ambito di una mostra personale della fotografa napoletana. E ora il Madre – leggendo quest’opera come una potente e poetica riflessione sulla caducità (estetica, ma soprattutto esistenziale) della nostra complicata contemporaneità – ha deciso di dedicare al video un’intera sala, che dal 22 maggio entrerà a far parte del percorso espositivo permanente del museo di arte contemporanea di Napoli.

Presentazione di “Still in Life” all’Accademia di Belle Arti di Napoli

Venerdì 9 maggio 2014, nell’ambito dell’incontro con Raffaela Mariniello al Teatro A. Niccolini dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, è stato proiettato il video “Still in Life”, diretto da Raffaela Mariniello con il nostro docente e fondatore Giacomo Fabbrocino (qui anche montatore) e prodotto dalla Scuola di cinema e fotografia Pigrecoemme.

Il video è una riflessione che usa lo strumento della videoarte per fissare nella memoria collettiva l’episodio del rogo di Città della Scienza, il polo di ricerca e innovazione, situato nell’ex area industriale di Bagnoli, che attirava più di 350.000 visitatori all’anno e che il 4 marzo 2013 fu completamente arso da un incendio di origine probabilmente dolosa.

L’incontro è stato introdotto dalla direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, Aurora Spinosa e dalla storica dell’arte Lea Mattarella.

Abbiamo pubblicato una parte del panel: speriamo possa essere di vostro interesse.

Ecco la vincitrice del concorso “Racconta il tuo amore per il cinema”

Il concorso di PigrecoemmeRacconta il tuo amore per il cinema“, abbinato al cortometraggio L’amore è un segno, scritto e diretto dal nostro Rosario Gallone con gli allievi del Master di cinema e del corso di recitazione, è giunto al termine. Ed ha una vincitrice. Si chiama Chiara Sellitto, è di Napoli e il suo racconto, in 999 caratteri (complimenti Chiara per il preciso rispetto dei termini del concorso!), ci ha colpito perché, in modo originale, ha spiegato quanto una passione, come quella per il cinema e i film, possa entrare dentro la vita di qualcuno, tanto da riempirne una giornata tipo.

Complimenti a Chiara e grazie a tutti quelli che hanno partecipato. E’ stato un piacere leggere di tanti per i quali il cinema conta quanto conta per noi.

Ecco il testo di Chiara, riportato dal post originale.

Apro gli occhi, alzo lo sguardo: Uma mi fissa, abbasso lo sguardo: il mio alluce mi fissa, sussurro ”muoviti!”. Scatto in piedi perché “il mattino ha l’oro in bocca”. Bevo un latte più, scendo. Prendo un cornetto e faccio la diva davanti alle vetrine. All’università il professore esclama “bisogna sconfiggere i cattivi, Gotham ha bisogno del suo vero eroe”, ricordandomi perché faccio legge. Esco. Vedo una busta dell’immondizia. “Questa busta era lì; danzava, con me”ed è investita dal mio pullman. Lo inseguo e la gente grida “corri Chiara!”, lo perdo. Incontro un anziano, è cieco. Gli dico che voglio diventare una persona importante e lui risponde “Vattinni chista è terra maligna!”. Credo abbia ragione. Sul pullman mi trovo un grassone addosso: “ah le calde tette di Bob”. Invio ad Amelie le cartoline del mio Nano in tour per l’Europa. Vado a casa e mi mettono a letto Yann ed Ennio. Il cinema è vita, io sono “una degli insaziabili, una di quelli che si siedono vicinissimi allo schermo”.

Christian Leperino: Landscapes of Memory al Napoli Film Festival 2014

Christian Leperino - Landscapes of memory

Anche quest’anno siamo presenti al Napoli Film Festival con un documentario.
Christian Leperino: Landscapes of Memory (Paesaggi della Memoria) è in realtà una produzione sui generis che, tra documentario e videoarte, cerca di restituire il senso e la memoria del progetto “Landscapes of Memory” dell’artista Christian Leperino, concretizzatosi in una duplice monumentale installazione al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, inaugurata il 21 giugno 2012 e ora non più visitabile.

La proiezione avverrà alle ore 17.00 del 1 ottobre 2014 al Pan, palazzo delle arti di Napoli.
info: sito ufficiale del napoli Film Festival.

Scheda tecnica del documentario

“Christian Leperino. Landscapes of Memory / Paesaggi della memoria”

Durata: 26′ Formato di ripresa: HD

Produzione: Pigrecoemme (ITA 2013)

Con il contributo di MN Metropolitana di Napoli SpA

Regia: Giacomo Fabbrocino

Produzione esecutiva: Corrado Morra

Prodotto da: Giacomo Fabbrocino, Rosario Gallone, Christian Leperino, Corrado Morra

Fotografia: Fabio Farinaro

Montaggio: Giacomo Fabbrocino

Aiuto Regia: Antonio Longo

Assistenti alla Regia: Luca “Micione” Silvestre, Federico Cappabianca

Musica: Anton Mobin, Joesphine Muller, Ian Linter, Volcano The Bear

Operatori: Fabio Farinaro, Antonio Iodice, Giuliano Caprara, Giacomo Fabbrocino.