Due nuovi seminari online di critica cinematografica in partenza

due seminari online
due seminari online

Spronati dall’imprevedibile successo dei nostri corsi di critica online (poche cose ci hanno dato soddisfazione come i commenti al corso che hanno scritto su Facebook i nostri corsisti) abbiamo organizzato due nuovi seminari monografici brevi (quattro lezioni per ciascun seminario) studiati sia per chi ha già seguito il nostro corso “generale” di analisi e critica del film, sia per coloro che vogliano approfondire gli argomenti specificamente proposti nei due cicli di lezioni.

Made in Britain: il cinema britannico degli anni Ottanta

Il primo dei due seminari, in partenza il 17 luglio, sarà condotto da Vincenzo Esposito, e sarà dedicato al cinema britannico degli anni ’80, quello che, durante l’epoca Thatcher, costituì a detta di molti una vera e propria British Renaissance.

Potete leggere il programma completo del seminario “Made in Britain” qui.

La strategia del terrore: il cinema horror dopo l’11 settembre

Il secondo seminario, in partenza il 28 luglio e condotto da Rosario Gallone, si occuperà di come abbiano preso forma nel cinema horror, da sempre quello forse più in grado di analizzare allegoricamente i conflitti umani e sociali, le nuove angosce nate dopo i fatidici attentati dell’11 settembre 2001.

Potete leggere il programma completo del seminario “La strategia del terrore” qui.

Come si svolgono i seminari online?

I nostri corsi online si svolgono tramite il programma di videoconferenza Zoom, che è di facile utilizzo e consente un’ottima interazione tra i partecipanti alle lezioni. Non si tratta quindi di corsi preregistrati, ma di vere e proprie classi virtuali.

Come ci si iscrive?

La quota di partecipazione a ciascuno dei due seminari è di € 50, ma se ci si iscrive contemporaneamente a entrambi si ha diritto a uno sconto di € 25 sul totale. Iscrivendosi contemporaneamente ai due seminari, insomma, la quota di partecipazione è di soli € 75.

Per iscriversi si possono usare i tasti Paypal che consentono di pagare anche tramite carta di credito, oppure si possono chiedere i dati per effettuare un bonifico contattandoci.

Dopo aver effettuato l’iscrizione si riceveranno via email le istruzioni per collegarsi al seminario (un meeting ID e una password).

Programmi

seminario sul cinema bitannico anni ottanta

Made in Britain: calendario delle lezioni

Clicca per il programma completo.

  1. Absolute Beginners (Venerdì 17 luglio, ore 17:00 – 19:00) 
    “Il pappagallo morto”: testo e contesto nel cinema britannico degli anni ’80.
    La nuova generazione e l’eredità del Free Cinema.
    L’asse Londra-Hollywood: Ridley Scott, Roland Joffé, John Boorman, Hugh Hudson.
    Cinema versus Margaret Thatcher.
    I nuovi volti del cinema inglese: Bob Hoskins, Tilda Swinton, Daniel Day-Lewis, Miranda Richardson, Rupert Everett, Helena Bonham Carter, Hugh Grant, Emma Thompson.
  2. Do You Really Want to Hurt Me? (Lunedì 20 luglio, ore 17:00 – 19:00)
    Etnicità e identità di genere nell’Inghilterra thatcheriana.
    Hanif Kureishi e Stephen Frears.
    Black British Cinema. I collettivi “Sankofa Film and Video” e “Black Audio Film”.
    Il femminile nel cinema britannico da Peter Greenaway a Sally Potter.
    James Ivory e la rappresentazione cinematografica dell’India britannica.
  3. Anarchy in the UK (Mercoledì 22 luglio, ore 17:00 – 19:00)
    Centro e periferia.
    The Troubles: il Conflitto nordirlandese sul grande schermo da Neil Jordan a Jim Sheridan.
    Non solo Londra. La geografia del cinema britannico degli anni ’80: David Leland, Bill Forsyth, Mike Figgis e Mike Leigh.
    Distopie degli anni ’80: “1984” di Michael Radford e “Brazil” di Terry Gilliam.
  4. Video Killed the Radio Star (Venerdì 24 luglio, ore 17:00 – 19:00)
    No, non è la BBC. Il ruolo della televisione nel cinema britannico nell’era Thatcher.
    Censura e libertà: la televisione di Ken Loach.
    Sperimentazioni: Derek Jarman, Christopher Petit, Alan Clarke.
    Cinema e musica rock nel Regno Unito da Alan Parker a Julien Temple.
seminario critica cinematografica sul cinema horror post 9/11

la strategia del terrore: calendario delle lezioni

Clicca per il programma completo

  1. L’occhio che uccide (Martedì 28 luglio dalle 21:00 alle 23:00)
    Come è cambiata la percezione dell’orrore: filmato, mediato, filtrato da un obiettivo. Da Paranormal Activity a The Visit.
  2. La casa dei nostri sogni (Giovedì 30 luglio dalle 21:00 alle 23:00)
    L’heimlich  diventa unheimlich, il perturbante interno. Dall’home invasion al body invasion passando per il torture porn.
  3. Donne in orrore (Martedì 4 agosto dalle 21:00 alle 23:00)
    Da Jennifer Kent alle Soska Sisters, un excursus nel nuovo horror scritto e diretto da donne.
  4. Nostalgia del passato (Giovedì 6 agosto dalle 21:00 alle 23:00)
    Motivazioni e forme delle strategie di remake.

Iscriviti tramite Paypal

Se invece preferisci effettuare un bonifico, contattaci.

Iscriviti a “Made in Britain” (€ 50)

Iscriviti a “le strategie del terrore” (€ 50)

Iscriviti a entrambi i seminari (€ 75)

I nostri primi corsi di cinema online

corsi di cinema online

Colpiti a sorpresa, come tutti, dall’emergenza Covid-19, siamo rimasti inizialmente disorientati, ma in poco tempo siamo riusciti a organizzare due corsi di cinema online che già hanno raccolto un incoraggiante numero di adesioni.

Il corso online di montaggio parte il 7 aprile e il corso online di critica cinematografica il giorno dopo. 

Leggi tuttoI nostri primi corsi di cinema online

Situazione Critica: online gli appuntamenti del 2019

situazione critica

Dura stare a casa, eh? Beh, se siete appassionati di cinema (e forse lo siete, visto che state leggendo il nostro blog), potreste sciropparvi le millemila ore di registrazione video (e anche audio! Altrimenti non si capirebbe nulla, che diamine!) dei 5 appuntamenti di Situazione Critica organizzati nel 2019 dalla Pigrecoemme, con il contributo della Regione Campania e della Film Commission Regione Campania.

In verità non sono millemila ora, ma 9 ore, 15 minuti e 20 secondi, quindi vanno giù facilissimamente.

Leggi tuttoSituazione Critica: online gli appuntamenti del 2019

Situazione Critica #11: La rappresentazione del lavoro al cinema

situazione critica 11 cinema e lavoro

L’undicesimo appuntamento di Situazione Critica – l’iniziativa della scuola di cinema Pigrecoemme di Napoli cominciata a maggio 2018 – si terrà mercoledì 11 dicembre 2019 a partire dalle 11:00 e sarà l’occasione per presentare La dissolvenza del lavoro – Crisi e disoccupazione attraverso il cinemapubblicato per i tipi della Ediesse. Ne parlerà, con Rosario Gallone, l’autore Emanuele Di Nicola.

la dissolvenza del lavoro
La dissolvenza del lavoro. Crisi e disoccupazione attraverso il cinema Copertina flessibile –
di Emanuele Di Nicola

Il primo dei dieci film proiettati il 28 dicembre 1895 al Salon indien du Grand Café di Boulevard des Capucines a Parigi, fu La Sortie de l’usine Lumière. La storia del cinema, quindi, ha avuto inizio con la rappresentazione del lavoro. Anzi: con la mise en abîme del lavoro (la rappresentazione della fabbrica di proprietà degli inventori del cinema).
La sortie apparteneva al catalogo delle tranches de vie e questa caratteristica ha sempre contraddistinto il cinema, i film che di lavoro si sono occupati. Da Fronte del porto di Elia Kazan a Tuta blu di Paul Schrader negli USA, passando attraverso I compagni di Mario Monicelli, il cinema che ha rappresentato il lavoro ha sempre mirato al realismo dell’approfondimento tematico, anche quando sceglieva vie formali diverse come il fantascientifico Omicron di Ugo Gregoretti o il surreale La classe operaia va in paradiso di Elio Petri.
Oggi, però, il lavoro è altro: si è polverizzato in mille tipologie, quasi nessuna prevista a tutela del lavoratore, il quale soffre una condizione ormai paraschiavistica, di continuo ricatto. Con la fine del lavoro è tramontata anche la lotta di classe e ha lasciato il posto a una lotta intra/classe che fa vittime solo tra gli ultimi.
Chi è riuscito a raccontare il lavoro nel passaggio tra queste diverse fasi è l’irriducibile Ken Loach, cui negli ultimi anni si sono affiancati i fratelli Dardenne dal Belgio e il francese Stephan Brizé, col suo disilluso dittico La legge del mercato e In guerra.

L’iniziativa è realizzata con il contributo della Regione Campania.

Situazione Critica #6: La webcritica e altre storie

Situazione Critica #6 - La webcritica e altre storie

Il sesto appuntamento di Situazione Critica – l’iniziativa con la quale la scuola di cinema Pigrecoemme di Napoli festeggia il diciottesimo anno di attività – si terrà sabato 1 dicembre alle ore 16.30 e avrà come ospiti tre giovani protagonisti della critica sul web: Matteo Berardini, Marco Compiani e Attilio Palmieri.

È ormai un dato di fatto che il web abbia cambiato le forme della critica. Non solo in quanto attuata in modalità diverse dalla scrittura (si pensi alla videorecensione e al videosaggio), ma anche perché la scrittura stessa si è adattata al nuovo medium, così come, in parte, ha fatto l’oggetto della critica. L’analisi della serialità, per esempio, nonostante una pubblicistica preesistente (tra i pionieri citiamo Diego Del Pozzo col suo Ai confini della realtà. Cinquant’anni di telefilm americani, edito da Lindau nel 2002) ha assunto una centralità determinante nell’immaginario di tutti, sia per ragioni intrinseche (la qualità, la capacità di raccontare il presente a volte più e meglio del cinema), sia perché è in rete che si concentra la maggior parte dei fan.

La critica on line ha soppiantato quella cartacea o ci convive? Ne parleremo con Attilio Palmieri, ex allievo di Pigrecoemme e ora tra i maggiori esperti di serialità italiani, Matteo Berardini, direttore della rivista online di critica Pointblank.it, e Marco Compiani, direttore dell’associazione culturale Doppio Sogno, tra le cui iniziative ve ne è una curiosamente molto seventies (e sociale prima che social), ovvero quella delle “Lezioni conviviali di cinema”.

Leggi tuttoSituazione Critica #6: La webcritica e altre storie

Situazione Critica #4. Sense and Sensibility – Cuore e cervello di una critica militante

Situazione Critica 4

Sabato 20 ottobre il quarto appuntamento di Situazione Critica, l’iniziativa con la quale la scuola di cinema Pigrecoemme di Napoli festeggia il diciottesimo anno di attività, avrà un prestigioso ospite: il giovanissimo direttore, appena 34 anni, del settimanale FilmTv.

Leggi tuttoSituazione Critica #4. Sense and Sensibility – Cuore e cervello di una critica militante