HOME-PAGE
 

Tempus Fugit

Una donna adulta.
Un bambino.
Una scacchiera.

Lei la guida. Lui l'allievo. L’oggetto dell’insegnamento sarà chiaro solo alla fine.

Giuseppe AffinitoQuesta la trama di Tempus Fugit, il nuovo cortometraggio del regista salernitano Angelo Serio, girato negli incredibili scenari del parco archeologico di Cuma ed interpretato da Isa Danieli, al lavoro con Serio dopo Isa 9000, e Giuseppe Affinito, 10 anni, al suo primo ruolo in un video dopo un apprendistato teatrale al seguito di Enzo Moscato.

Isa DanieliLa Danieli, in un ruolo tra Gandalf de Il Signore degli Anelli ed il maestro Miyagi di Karate Kid, si scontrerà con un bambino in un’apparente partita a scacchi che, in realtà, sottende ben altro. Tra Sant’Agostino, Henri Bergson, Tolkien, Il settimo sigillo, la commedia all’italiana ed il bildungsroman, il nuovo corto del regista nocerino, scritto insieme con Rosario Gallone, esplora, sia pur sopra le righe, il delicato tema del tempo. Dal carpe al gusta diem, da una vita bruciata ad una vita assaporata, gli autori decidono di fare un passo indietro rispetto al trend corrente che confonde il prendersi col perdere tempo, di essere demodé, di liberarsi dell’irrazionale paura del vuoto che spinge a riempire ogni spazio ed ogni momento della propria vita e schierarsi, nella dialettica slow/fast, a favore del primo. L’indipendenza (in senso produttivo) ha, però, un prezzo da pagare ed Angelo Serio, in barba alle convinzioni esplicitate nel corto, lo ha dovuto girare, ironia della sorte, in soli due giorni, seguendo l’ordine cronologico del copione, perché… “il tempo è tiranno”.

Tempus Fugit è stato prodotto nel maggio del 2005 da Regione Campania, Comune di Nocera Inferiore, Frame s.p.a, Pigrecoemme e Pina Candia, e montato da Fernanda Indoni mentre la scenografia è di Renato Lori, i costumi di Imma Simonetti, la fotografia di Luigi Senatore e le musiche del gruppo Faraualla e di Luigi Stazio.