Sabato 13 dicembre cortometraggi al TRIP di Via Martucci, Napoli.

Serata dedicata al mondo del cinema, con particolare riguardo alle produzioni indipendenti di cortometraggi, quella di sabato 13 dicembre 2008, al Trip. Ricco il programma dell’evento, organizzato dallo spazio di Via Martucci con la Scuola di cinema di Napoli Pigrecoemme, che parte alle ore 18,00 con un incontro-dibattito sul tema «I corti ai tempi di You Tube» che affronterà i nuovi scenari distributivi con cui internet sta rubando terreno agli storici circuiti festivalieri.
Relatori: Vincenzo Esposito, direttore del Festival del cinema italiano di Stoccolma, Ferdinando Carcavallo editor del sito di critica cinematografica Kinemazone e Rosario Gallone della Scuola di cinema Pigrecoemme.
A seguire saranno proiettati i corti italiani passati in rassegna nella sezione “Short Films” dell’undicesima edizione del Festival del cinema italiano di Stoccolma che, anche quest’anno (Stoccolma, dal 26 settembre al 2 ottobre 2008) è stata curata dalla Scuola di cinema e televisione Pigrecoemme.
Sei i film della serata: 97.4 di Alessandro Abbate e Alessandro de Cristofaro, un’operazione sofisticata sul filo delle citazioni cinematografiche, da due dei più interessanti videomaker della scena; 4b Movie di Antonello Matarazzo, regista visionario e di fama internazionale che lavora ad una poetica ridefinizione di cinema alla luce delle più spinte ricerche visive; Altri 30 anni di Ivan Forastiere, racconto sospeso tra umori hard-boiled e un colpo di scena fantastico; Battiltempo di Renato Lori, regista divertito e sornione ma, soprattutto, uno dei più importanti scenografi italiani; Megaris, di Guglielmo D’Aniello, metafora grottesca, in salsa ferreriana, dello scempio in cui versa Napoli; e, infine, Un passo indietro, diretto da Marco Pugliese. Il film, prodotto all’interno del corso Master di Pigrecoemme, ed incentrato, tra crisi identitarie e difficoltà sociali, sulla difficile relazione di un giovane autistico e del padre operaio è stato accolto, durante il festival svedese, con grande attenzione. Questa al Trip è la prima italiana.

L’ingresso alla serata è gratuito.
Info allo 08119568994 (Trip) 0815635188 (Scuola di Cinema Pigrecoemme)

Allievi sul set di uno spot pubblicitario

Il 15 novembre scorso gli allievi della Scuola di cinema e televisione Pigrecoemme hanno partecipato alle riprese di uno spot per la Fondazione Affido, la prima fondazione del Mezzogiorno esclusivamente dedicata all’affidamento familiare. La Fondazione ha l’obiettivo di sostenere l’accoglienza di bambini e ragazzi in difficoltà, in famiglie disposte a prendersi cura di loro per un tempo determinato, attraverso lo strumento dell’affidamento familiare.

Lo spot è stato diretto da Angelo Serio (regista e docente presso Pigrecoemme). Altri docenti della Scuola Pigrecoemme hanno lavorato a questa realizzazione: Rosario Gallone è stato autore del claim, Renato Lori ha curato la scenografia e Lorenzo Peluso il montaggio. Una spanna sopra la media la fotografia di Ugo Lo Pinto.

Testimonial d’eccezione la grande Isa Danieli.

MAIN CREDITS
Fidarsi è bene, affidarsi è bello
Project leaders: Donatella Volpe (Fondazione Affido)
Direzione creativa: Angelo Serio
Regia : Angelo Serio
Art : Rosario Gallone – Angelo Serio
Claim: Rosario Gallone
Copy: Isa Danieli – Gigi Esposito- Rosario Gallone – Angelo Serio – Donatella Volpe
Fotografia: Ugo Lo Pinto
Scenografia: Renato Lori
Suono: Max Gobiet
Montaggio: Lorenzo Peluso
Musica originale: Flavio Gargano
Make-up: Raffaella Vallone
Ente: Fondazione Affido
Casa di produzione: Audio Video & Grafica S.r.l.

Ecco alcune fotto scattate sul set da Oreste Lanzetta.

Venti figuranti cercasi per cortometraggio a Napoli

La nostra ex allieva ed  Ilaria De Martinis lavora, come aiuto regista, ad un cortometraggio che si girerà qui a Napoli nella settimana tra il 1 ed il 6 dicembre. Il corto sarà diretto da Francesco Prisco (autore di Fuori Uso,  vincitore del NapoliFilmFestival 2008 – Link)
e verrà trasmesso, nel periodo natalizio, da Sky-Cinema nell’ambito di Sotto 5. Per il breve film occorrono circa venti figuranti di ambo i sessi, di qualsiasi età, non necessariamente con esperienza nel campo della recitazione, che facciano i passanti. Un figurante di sesso maschile e di taglia 48/50 dovrà impersonare un poliziotto. Chiunque avesse piacere di partecipare, a titolo volontario, al video può scrivere a noi di Pigrecoemme (info@pigrecoemme.com). A nostra volta noi provvederemmo a mettervi in contatto con Ilaria De Martinis.

Martedì, a Santa Maria la Nova, l’opening della mostra fotografica «La mia Napoli. Dopo il diluvio»

«La mia Napoli. Dopo il diluvio» è la prima mostra prodotta nell’ambito dei corsi di Fotografia della Scuola di cinema e televisione di Napoli Pigrecoemme. L’inaugurazione  è il prossimo martedì 18 novembre alle 17,00 al Palazzo dell’Amministrazione provinciale in Piazza Santa Maria La Nova (per chi non ce l’avesse presente, è dalle parti di via Monteoliveto, di rimpetto alle scale della Posta centrale).
Il tema era semplice: il racconto della nostra città. Suggestione volutamente aperta e, proprio per questo, difficile, che ha chiamato a raccolta 14 fotografi – alcuni dei quali si affacciano per la prima volta, con velata e vitale ingenuità, all’agone espositivo –  già linguisticamente incisivi e affatto originali, che hanno costruito, come un unico mosaico, e ora ci presentano, anche grazie alla sensibilità della Provincia di Napoli, una variegata e per certi aspetti imprevedibile galleria di 56 scatti capaci di raccontarci, senza fingimenti e senza il belletto anestetizzato della maniera, il groviglio sofferto eppur vitalissimo del tessuto umano e sociale di Napoli.
L’evento, infatti, si prefigge prima di tutto di mettere insieme, senza nessuna retorica, una galleria di immagini che restituisca, attraverso una molteplicità di sguardi, la polifonica, variegata, ferita, e pur sempre epica contemporaneità del nostro territorio. E, allora, sin dal titolo (che riecheggia, coll’esplicito richiamo al cataclisma biblico, la necessità di una palingenesi morale di un mondo – il nostro! – che si lasci, infine, alle spalle l’agonia e l’ignominia di essere e di dover essere raccontata col nome abietto di Gomorra…), diventa chiara l’ambizione politica oltre che artistica di tale progetto: fornire allo spettatore un  flusso narrativo continuo che metta in rapporto dialettico (e conflittuale) sguardi ed ipotesi, contraddizioni e brutture, ma anche e soprattutto idee e sogni sulla nostra Napoli; costruendo, grazie alla ricerca di questi giovani creativi, un percorso di coscienza che – forte dell’ecologia culturale di cui, secondo noi, è sempre capace la migliore fotografia – sappia sciogliere, ancora una volta, il segreto delle nostre contraddizioni. «La mia Napoli. Dopo il diluvio», allora, è questo: un racconto morale, che, in un singhiozzo di ombre e di luci,
di ferite e di sorrisi, ci dica, ancora una volta, chi, noi napoletani, in fondo, siamo: un popolo capace di presagire e di cercare indefessi, anche nell’agonia della tempesta, i prodromi della Rinascita. Che è come dire, l’inizio del futuro. E di vedere, ogni volta, ostinati e caparbi, quello che – come ci ha insegnato l’immenso Italo Calvino – nell’Inferno, Inferno non è.

A presentare la mostra e a salutare gli artisti, con i curatori,  sarà presente anche l’assessore all’Agricoltura della Provincia di Napoli, Francesco Borrelli.

Opening: martedì 18 novembre 2008, ore 17,00 – Antisala della Giunta del Palazzo dell’Amministrazione provinciale, Piazza Santa Maria La Nova. Napoli.

Espongono:
Giuseppe Cammarano
Valentina Celotto
Luca Ciriello
Cristiana Conteduca
Davide De Luca
Carla Di Feo
Maurizio Filosa
Fabia Lonz
Arturo Muselli
Daniela Persico
Domenico Pirozzi
Paola Punzo
Anna Scarano
Paolo Visone

Stasera parte “Romanzo Criminale” su Sky Cinema

Forse è un po’ tardi per segnarvelo: ma stasera Sky Cinema trasmetterà in chiaro i primi due episodi della serie Romanzo Criminale, tratta dall’opera letteraria di Giancarlo De Cataldo, da cui già il riuscitissimo adattamento cinematografico di Michele Placido. Ho assistito la scorsa estate alla proiezione in anteprima di alcuni minuti di questa nuova serie e devo dire che c’è di che essere entusiasti: sembra che il regista Stefano Sollima ed i suoi sceneggiatori non si siano risparmiati: il tutto dava l’idea di poter reggere il confronto con le acclamate serie americane degli ultimi anni: linguaggio esplicito, erotismo, violenza, grande senso visivo ed un montaggio feroce e visionario.

La cosa qui è di particolare interesse, visto che tra coloro che hanno firmato il montaggio di Romanzo Criminale c’è anche Lorenzo Peluso, docente di montaggio presso la scuola di cinema Pigrecoemme.

A Lorenzo un affettuoso saluto ed a voi l’invito, ribadito, a non perdere questo innovativo prodotto televisivo.

Rewind a Spazio Libero

Vi segnaliamo con piacere Rewind, da Eugène Ionesco, uno spettacolo diretto Da Antonio Piccolo e Giuseppe Cerrone. Quest’ultimo  già noto ai nostri amici ed ai lettori di questo blog per avere interpretato il padre di Damiano nel dibattuto (almeno qui sul blog) Corto “Un passo indietro“.
Alle Luci un altro ex allievo della Scuola di Cinema Pigrecoemme: Stefano Ferraro.
Lo spettacolo si replicherà dal 30 ottobre (oggi) al 2 novembre al teatro Spazio Libero in Via del Parco Margherita 28, Napoli.

Come si dice: accorrete numerosi!

Ti sei iscritto alla nostra newsletter?