Corso di sceneggiatura abborracciata all’italiana

abborracciata

Dopo il grande successo del corso di regia approssimativa dello scorso anno, anche nel 2016 Pigrecoemme vuole confermarsi all’avanguardia nella proposizione di corsi di studi che abbiano una ricaduta immediata nel mondo del cinema italiano. È con orgoglio, pertanto, che annunciamo il primo Corso di sceneggiatura abborracciata all’italiana.

Leggi tutto

10 registi italiani dimenticati

registi italiani dimenticati

Nonostante rivalutazioni, revival, convention, critici a volte fin troppo buoni, immaginaria reperibilità totale dei film, c’è ancora qualche nome sfuggito alla pubblicistica oppure considerato meno di quanto meriti l’eredità lasciata nella storia del nostro cinema. Ci pensiamo noi di Pigrecoemme a cercare di colmare qualche vuoto, ben consapevoli che i nomi siano più dei dieci indicati.

Leggi tutto

I fondamentalismi in 10 film fondamentali

fondamentalismi

Si può parlare di fondamentalismo, di terrorismo, evitando di esserlo a propria volta? Perché, senza per questo essere tacciati di buonismo, siamo convinti, con Kant, che la dialettica sia necessaria anche per giungere al trascendentale. Decostruendo. E come decostruire se non attraverso l’analisi? Una lista di film perché si problematizzi l’argomento fondamentalismo, perché si capisca che i fondamentalismi sono tanti e spesso ad un attacco fondamentalista segue una risposta fondamentalista. Buona lettura e, ci auguriamo, buona discussione.

Leggi tutto

Camminando. Incontro e mostra con Alessandro Santulli

Incontro e mostra con Alessandro Santulli

Sabato 9 aprile 2016, alle ore 16:00, nell’ambito della rassegna Incontri fotografici, che ha già accolto artisti come Antonio Biasiucci, Gianni Fiorito, Luciano Ferrara, Gianni Pinnizzotto, Ilaria Abbiento e Raffaela Mariniello, la Scuola di cinema e fotografia Pigrecoemme di Napoli ospita Alessandro Santulli, che illustrerà il suo lavoro foto-antropologico.

Modalità di partecipazione

L’incontro, fino a esaurimento posti, è a ingresso gratuito e sarà presentato da Luca Sorbo, curatore dei corsi di Fotografia della Pigrecoemme.
Prenotazioni e info al numero 081 5635188.

L’autore e i temi dell’incontro

Ripercorrere l’itinerario fotografico di Alessandro Santulli è molto difficile: il suo fotografare è tutt’uno con l’esperienza di esplorare i luoghi; è un contagioso intensificatore di vita. Una mostra fotografica non può riuscire a raccontare la sua esperienza di scoperta del territorio e quest’incontro alla Pigrecoemme è solo un omaggio alla sua instancabile energia.

Alessandro ha il merito di averci fatto scoprire il mondo dei piccoli borghi, dei centri rurali, dei tanti luoghi in cui si svolge la vita quotidiana, di aver reso straordinario quanto spesso sfugge alla nostra attenzione.

Alessandro si lascia attraversare dai luoghi, ne diviene parte e le fotografie sono la traccia viva di questa sua esperienza.  La sua è innanzitutto una ricerca di umanità, di come gli spazi sono vissuti, di come il paesaggio si nutre del lavoro dei contadini.

Una bella frase di Alessandro è che ogni luogo è il centro del mondo: ogni luogo, se noi lo vogliamo, può essere il più bello; spetta solo a noi renderlo tale. Straordinaria è la sua empatia con i soggetti, che ferma per strada, che lo invitano a casa e che, fiduciosi, lasciano impronte dei propri sguardi sul supporto sensibile della fotocamera.

La sua fotografia è priva di intellettualismi, vive e si confronta con il mondo in modo spontaneo. Alessandro si sente parte della natura e vuole confondersi con essa ed il suo lavoro fotografico è un grande album di famiglia, perché ogni cosa che incontra diventa parte della sua grande famiglia: pastori, contadini, animali; nessuno è escluso.

Alessandro sta realizzando una documentazione della provincia di Caserta, in particolare del Matese e dell’ Alto Casertano, ma che coinvolge altre zone della Campania, preziosissima: un mondo che forse sta scomparendo ha trovato un custode sensibile e deciso. Ormai sono tantissime le persone che lo seguono nelle passeggiate e che hanno imparato ad immergersi nella natura, rispettandola ed amandola. Luoghi turisticamente poco attrattivi come Valle Agricola, Letino, Conca della Campania e tanti altri sono stati “invasi” dal suo gruppo di esploratori che dopo aver realizzato le foto le donano ai soggetti ritratti, costituendo un meraviglioso album all’interno delle singole case.

La sua grande conoscenza del territorio è un patrimonio da non disperdere, il suo approccio concreto e sognatore è da prendere ad esempio per conoscere, tutelare e valorizzare la nostra terra. Alessandro ci ha donato nuovi occhi per vivere i luoghi della quotidianità, spetta a noi comprendere e tutelare la loro particolarità.

 Luca Sorbo

l'evento su facebook

Incontro con Patrick Vollrath (candidato all’Oscar), Dustin Loose e Ilker Catak

registi-tedeschi

Grazie alla collaborazione col Goethe Institut e con la  sua responsabile Johanna Wand, Mercoledì 9 marzo alle 16:00, presso la Scuola di Cinema Pigrecoemme in
Piazza Portanova 11 a Napoli, gli allievi della scuola e gli appassionati di cinema potranno incontrare tre giovani registi tedeschi, vincitori nel 2015 di tre Student Academy Awards a Los Angeles: Patrick Vollrath, diplomato all’Accademia di cinema di Vienna sotto la guida di Michael Haneke e autore di Alles wird gut (Tutto andrà bene), quest’anno tra i candidati all’Oscar per il miglior corto; Dustin Loose, autore di Erledigung einer Sache (L’ultima volontà) e Ilker Çatak, che ha diretto Sadakat (Fedeltà).

I tre registi racconteranno la loro esperienza formativa e professionale e si confronteranno con aspiranti registi e giovani autori del nostro Paese.

Patrick Vollrath, Dustin Loose e Ilker Catak  sono ospiti dell’ Istituto Goethe di Napoli
nell’ambito della rassegna Montagskino – I tedeschi del lunedì che il 7 marzo alle 18,30 prevede la proiezione dei tre cortometraggi.

Modalità di partecipazione

L’incontro, fino a esaurimento posti, è a ingresso gratuito e sarà moderato da Rosario Gallone, fondatore della Pigrecoemme e curatore dei corsi di regia.
Prenotazioni e info al numero 081 5635188.

Leggi tutto

Salverà, Jeeg Robot, l’Italia dalla commedia?

jeeg robot salverà l'italia

La differenza tra Gabriele Mainetti ed i Manetti Bros. non è solo in quella vocale che introduce la seconda sillaba del cognome, ma in un approccio completamente diverso al cinema di genere. Laddove i Manetti giochicchiano sì coi topoi dei generi che, però, non hanno mai capito fino in fondo (sicché, da Zora la vampira ai vari televisivi RexColiandro, si avverte una superficialità simile a quella dei lavori di Robert Rodriguez: entrambi suscitano simpatia per un limitato periodo di tempo dopo di che sopraggiunge la noia), Gabriele Mainetti dimostra non solo di conoscerli, ma di averli assimilati ed introiettati. I generi, per i Manetti, sono tutti (in Zora, ad esempio, rifacevano pedissequamente, con tanto di colonna sonora, una sequenza in split di Superfly), mentre Mainetti, checché ne dicano uffici stampa (per motivi di lancio promozionale) e giornalisti con la memoria corta, guarda soprattutto ai generi rivisitati dagli italiani: il cinema bis nella sua estrinsecazione migliore, perché, se è vero che questa definizione designa il cinema che rifà il cinema mainstream con mezzi ridotti (e non include solo la serie B, ma si estende a tutti i tentativi, anche quelli di serie Z), possiamo anche azzardare che il bis rifà sì, ma, come avviene nei concerti in cui viene richiesto, rifà il meglio.

Leggi tutto

Ti sei iscritto alla nostra newsletter?