Guida al Buddy Cop Movie in 10 film

buddy cop movie

A voler essere dei puristi, il buddy cop movie, costola del buddy movie ovvero il genere che si fonda su una coppia apparentemente mal assortita di caratteri, dovrebbe avere come protagonista una coppia di poliziotti e, per questo, probabilmente The Nice Guys, il film di Shane Black che abbiamo utilizzato come copertina di questa playlist, non sarebbe proprio il più indicato a rappresentarlo. D’altronde, uno dei buddy cop movie più di culto di sempre è 48 ore di Walter Hill dove la coppia è quella formata da un poliziotto, Jack Cates (Nick Nolte) ed un detenuto, Reggie Hammond (Eddie Murphy), libero per il tempo indicato dal titolo. Insomma, per un buddy cop movie conta, più che la divisa dei protagonisti, che almeno uno sia un detective (anche privato) e, soprattutto, che la trama presenti elementi di commedia oltre, of course, all’intreccio poliziesco. Di questo genere, Shane Black è forse il maggior esponente, anzi quasi non pare saper fare altro, e lo fa molto bene, visto che, prima di The Nice Guys, ha scritto L’ultimo boyscout e diretto Kiss Kiss Bang Bang, ma soprattutto ha creato il franchise di maggior successo del filone ovvero Arma letale.

1 – Una strana coppia di sbirri di Richard Rush

Se tutto ha un inizio, quello del buddy cop movie è qui, in questa pellicola che, per la prima volta, contamina commedia, buddy movie e poliziesco. Nella riuscita dei film ascrivibili a questo filone conta l’alchimia tra gli interpreti e quella tra Alan ArkinJames Caan (successivamente elemento di un’altra strana coppia di sbirri, quella formata da lui e un alieno in Alien Nation) è palese, ma Una strana coppia di sbirri funziona (e funzionò tanto da generare una serie tv con Hector Helizondo) anche in virtù di un intrigo magari troppo complicato, ma, proprio per questo, tipicamente noir. Se non è un remake, sicuramente ne è debitore Una perfetta coppia di svitati  che Peter Hyams diresse nel 1986 con un’altra coppia di sbirri decisamente sui generis, composta da Billy CristalGregory Hines.

2 – Danko di Walter Hill

Abbiamo detto di 48 ore, ma Walter Hill, nel 1988, realizzò un purissimo buddy cop movie con un poliziotto sovietico ed uno americano. Quella di Danko fu la prima troupe americana a poter girare sulla Piazza RossaMosca dopo la PerestrojkaJim Belushi garantisce la quota commedia, ma anche Schwarzenegger comincia a lasciar intravedere un’analoga propensione che esploderà poi quando a dirigerlo sarà Ivan Reitman.

3 – Arma letale di Richard Donner

Ed eccoci a Shane Black. Un anziano poliziotto nero, tranquillo marito e padre di famiglia, affiancato ad un agente, reduce dal Vietnam, con evidenti problemi di controllo della rabbia. Nel primo capitolo della (troppo lunga) serie, Donner bilancia alla perfezione commedia (prerogativa del Black sceneggiatore) e poliziesco (anche molto cupo e violento). Nei successivi, la commedia (con l’ingresso di Joe Pesci e nel quarto anche di Chris Rock) prenderà il sopravvento.

4 – Sorveglianza speciale di John Badham

Anche John Badham, come Hill, ha nel suo curriculum un buddy cop movie per così dire spurio (Insieme per forza con l’attore Nick Lang, interpretato da Michael J. Fox, al fianco del duro detective John Moss, ovvero James Woods, per poter recitare un ruolo) e questo Sorveglianza speciale in cui i due membri della coppia sono entrambi poliziotti. Funziona davvero tutto alla meraviglia. Ma non fu lo stesso nell’inevitabile sequel, Occhio al testimone.

5 – Turner e il casinaro di Roger Spottiswoode

Spottiswoode, sceneggiatore di 48 ore, porta alle estreme conseguenze le dinamiche del genere, imbastendo una coppia formata da un poliziotto ed il cane di un poliziotto (schema che poi vedrà un vero e proprio cane poliziotto in Poliziotto a 4 zampe e nell’immarcescibile serie tv tedesca, e poi italiana, Il commissario Rex). Tom Hanks era stato protagonista di un altro buddy cop movieLa retata, al fianco di Dan Aykroyd, trasposizione/parodia (un po’ come lo Starsky & Hutch di Todd Phillips) del televisivo Dragnet, ma qui l’amalgama pare quella primigenia, quella della “strana coppia” di Neil Simon, con l’umano maniaco dell’ordine come Felix Ungar ed il Dogue de Bordeaux “casinaro” come Oscar MadisonTequila & Bonetti, serie tv con Jack Scalia, non ha niente a che vedere col film se non la razza del cane protagonista.

6 – R.I.P.D. Poliziotti dall’aldilà di Robert Schwentke

Nella sezione weird del buddy cop movie (nella quale figura anche l’improvvido T-Rex Il mio amico Dino con una coppia di poliziotti formata da un robot ed un tirannosauro) ricomprendiamo questo R.I.P.D. che, nonostante le buone premesse (graphic novel di successo, regista in gamba e cast sicuro), è venuto proprio male. Tuttavia una coppia di sbirri formata da uno sceriffo del Vecchio West ed un agente di oggi è davvero una gran bella idea.

7 – I due carabinieri di Carlo Verdone

Nonostante una stagione felice e prolifica, il poliziottesco non ha prodotto pellicole ascrivibili al buddy cop. Certo, ci sono i duetti tra Tomas Milian/Nico GiraldiBombolo oppure, meglio ancora, i dialoghi brillanti tra Maurizio MerliOrazio Orlando in Poliziotto Sprint di Stelvio Massi. Senza contare I due superpiedi quasi piattiMiami Supercops con la rodatissima coppia Spencer/Hill (cui qualche intervistatore ha accostato Crowe/Gosling riscuotendo l’entusiasmo del primo) iquali, però, virano più verso la commedia che verso il poliziesco (un po’ come Bastardi in divisa). Il buddy cop movie che non ti aspetti, però, ce lo ha regalato, inopinatamente Carlo Verdone nel 1984 con I due carabinieri: uno è lui, timido e pignolo, l’altro è Enrico Montesano, esuberante ed un po’ cialtrone. Il film generò uno spin-off diretto, nel 1986, da Maurizio Ponzi con MontesanoBoldi.

8 – Corpi da reato di Paul Feig

Consueto schema del buddy cop movie: uno pignolo e maniaco dell’ordine, l’altro apparentemente incapace e arruffone (schema sul quale hanno, forse, detto tutto, smontandolo come loro solito, Adam McKayWill Ferrell nel loro The Other Guys). Stavolta, però, la dinamica è virata al femminile e, per quanto il copione non sia originalissimo, la coppia Bullock/McCarthy funziona.

9 – Rush Hour di Brett Ratner

Una delle dialettiche maggiormente battute dal buddy cop movie, dopo quella poliziotto ligio/poliziotto ribelle (che, in fondo, ripete, come detto, la dialettica di La strana coppia), è quella interetnica che, nella maggior parte dei casi, vede protagonista una coppia poliziotto nero/poliziotto bianco (ricordiamo anche il minore Pronti a tutto di Richard Benjamin mentre fa eccezione il dittico Bad Boys di Michael Bay in cui entrambi i poliziotti sono neri e, come se non bastasse, le dinamiche da buddy cop movie scattano perché i caratteri sono identici e non differenti). Uno dei franchise più duraturi è stato quello con protagonisti Chris RockJackie Chan, ad essere sinceri col fiato corto già dal primo capitolo, ma che, incredibilmente, nel terzo, sfodera un Roman Polanski villain evidentemente col conto in rosso.

10 – Due agenti molto speciali di David Charhon

Coppia interetnica in un raro esempio di buddy cop movie europeo (oltre a Un poliziotto da Happy Hour che contrappone l’irlandese Brendan Gleeson all’afroamericano Don Cheadle, dove quello maniaco dell’ordine, una volta tanto, è il nero), quella tra Omar SyLaurent Lafitte ripropone anche la contrapposizione tra poliziotto rispettoso dei regolamenti e flic indisciplinato, aggiungendovi, in modo superficiale per la verità, la relazione tra agente dei quartieri alti e agente proveniente dalla banlieue. 

 

 

 

The following two tabs change content below.

Rosario Gallone

Docente di regia a Pigrecoemme
Rosario è tra i fondatori della Pigrecoemme, dove si occupa soprattutto del corso di regia e dell'organizzazione dei corsi. E' autore della sceneggiatura di Isa 9000 (mediometraggio con Isa Danieli diretto da Angelo Serio), del montaggio di documentari e della regia di alcuni cortometraggi.

Ultimi post di Rosario Gallone (vedi tutti)